L'Incubatrice

Venduto da Mezzotints Ebook eStore

Dettagli prodotto

L'Incubatrice di Paolo Di Orazio (Collana Buio)

Dopo 22 anni si riapre una porta verso una visione sconvolgente che reinterpreta archetipi umani e della letteratura horror. L’Incubatrice è la riedizione in digitale, ampiamente rivista e aggiornata, di un’opera storica e pionieristica dell’horror italiano: Madre Mostro di Paolo di Orazio, pubblicata nel 1991 (ACME), oggi ormai introvabile. La raccolta contiene sette racconti, tra quali un inedito: Il Contratto, La Vendemmia, Federica,Virginia, la Metempsicosi, L’Incubatrice, Trasfusioni per Jackleen, Faina e Quattro Mura, Il Cubo. Storie oniriche, surrealiste, fiabe oscure, sinfonie sperimentali che offrono una nuova esplorazione del concetto di “Madre”, ancora oggi attualissima. La raccolta è completata dalla prefazione Son of Anarchy di Gianfranco Nerozzi.

Il Libro: 1991: Madre mostro, seminale antologia gore-splatter del pioniere Paolo di Orazio, striscia sulle librerie dello Stivale. L’orrore diventa espressionismo, la carne si fa estetica del delirio, della follia. Nessuna possibilità di redenzione o fuga, solo la contemplazione dello sgretolamento psichico che diventa mutazione organica, fisica. È l’Apocalisse dell’animo umano, una discesa iperrealista e nichili-sta nella frantumazione dei rapporti interpersonali, espressa attraverso sette racconti che gettano le basi dello splatter italico. Sette squarci nella materia oscura, nella carne molle dell’incubo, sette fiabe malate e nere che imprimono cicatrici indelebili nell’immaginario degli appassionati di letteratura fantastica. 2013: il Secondo Avvento. Il Supplizio continua. La Madre mostruosa, “L’incubatrice”, rigenera l’incubo. Mezzotints Ebook ripropone la raccolta di racconti di Paolo di Orazio in una versione riveduta e aggiornata, impreziosita da uno sconvolgente racconto inedito. A distanza di 22 anni le porte dell’Inferno creato dall’autore si spalancano ancora, per precipitarci in un nuovo Abisso di paranoia, un dedalo di architetture organiche allucinate da cui è esclusa ogni possibilità di fuga. L’incubatrice, la Grande Signora degli Incubi, è di nuovo tra noi. E adorarla è l’unica possibilità.

Dalla Prefazione Son of Anarchy di Gianfranco Nerozzi:
Dentro a Madre Mostro c’erano racconti davvero originali e coinvolgenti. Scritti con uno stile assolutamente visionario e preciso. Ma fra i tanti, ce ne era uno così straziante da colpirmi nel profondo. Riempiendomi di entusiasmo per come si poteva diventare ed essere, u-sando le parole come coltelli e le visioni da incubo come poesia. Quel racconto era anarchico e coinvolgente. Freddo. Spaventoso. Una donna che partorisce uno dopo l’altro tanti mostri. Gelidi descrizioni di operazioni chirurgiche. Emozioni allo stato brado schizzate di sangue fresco e bollente nello stesso tempo, Una placenta rigurgitata da un folle perverso disegno apocalittico. Che sfocia in un finale assolutamente rivoluzionario. Nel senso stretto della parola. Perché la ribellione era alle porte e persino la “madre”, il suo concetto, dive-niva anti edipico senza nulla togliere alla tenerezza che ci salva, giorno per giorno. Per trovare la forza per cercare di cambiare le cose, e assumere l’incubo come promotore, assieme alle paure che ci attanagliano, di speranza per un mondo migliore. La filosofa splatter era semplice, in fondo. Nessun lieto fine liberatorio. Solo mostri che restano e tornano sempre. Per farci sentire minacciati e svegliarci, per tenerci pronti a lottare sempre e comunque. Paolo Di Orazio è stato, ed è, un figlio di questa anarchia stilistico - artistica. Sempre e co-munque perfetto e poetico. Adesso che corre l’anno 2013, nulla è cambiato, e tutto è rimasto uguale… L’incubatrice è rimasta attuale e imprescindibile e ci attende al varco. Paolo Di Orazio è sempre lì. Non se ne è mica andato. Figlio dell’anarchia che non è altro. E con lui: la nostra voglia di sognare e di vincere il male. Un mostro dopo l’altro.

L’autore

Paolo Di Orazio (Roma, 1966) Scrittore, disegnatore, sceneggiatore, musicista. Pioniere della letteratura splatter italiana. Coordinatore di riviste mensili di horror a fumetti come Splatter e Mostri, ha scritto racconti e storie a fumetti per Cattivik e la rivista americana Heavy Metal. Ha pubblicato romanzi, testi e racconti per Granata Press, Radio Rai, Addictions, Urania, Beccogiallo, Nicola Pesce Editore, Clair de Lune, Ded'A, Delos, Coniglio Editore, Bietti. Tra le sue opere di narrativa: Primi delitti (Acme, 1989/Castelvecchi 1997), Madre Mostro (Acme, 1991), Prigioniero del buio (Granata Press 1992/Res edizioni 2003) Appuntamento a Carfax (radio racconti - Rai 1992), Il dipinto ucciso (romanzo - Granata Press 1993), Fantasmi con la testa (racconto inserito nell’antologia In fondo al Nero a cura di Gianfranco Nerozzi Ura-nia Mondadori 2003), Che hanno da strillare i maiali? (DEd'A 2009), Vloody Mary (Coniglio Editore 2011), Chiruphènia (Universitalia 2012)

L'Incubatrice di Paolo Di Orazio
Prefazione di Gianfranco Nerozzi
Illustrazione di copertina di Daniele Serra
Mezzotints Ebook – Collana Buio
Formato ebook (epub, mobi)
Pagine: 135 - Lingua: Italiano
ISBN epub: 9788898479023
ISBN mobi: 9788898479030
Prezzo di copertina: € 2,99

PROMO HALLOWEEN: € 1,50 - valido per acquisti dal 30 al 31 ottobre

€ 2,99

Aggiungi al carrello

Metodi di Pagamento:

Fai una domanda su questo prodotto

Share in Facebook

Condividi quello che ti piace! Copia il link di questo prodotto e incollalo dove vuoi. Copia

Dettagli prodotto

L'Incubatrice di Paolo Di Orazio (Collana Buio)

Dopo 22 anni si riapre una porta verso una visione sconvolgente che reinterpreta archetipi umani e della letteratura horror. L’Incubatrice è la riedizione in digitale, ampiamente rivista e aggiornata, di un’opera storica e pionieristica dell’horror italiano: Madre Mostro di Paolo di Orazio, pubblicata nel 1991 (ACME), oggi ormai introvabile. La raccolta contiene sette racconti, tra quali un inedito: Il Contratto, La Vendemmia, Federica,Virginia, la Metempsicosi, L’Incubatrice, Trasfusioni per Jackleen, Faina e Quattro Mura, Il Cubo. Storie oniriche, surrealiste, fiabe oscure, sinfonie sperimentali che offrono una nuova esplorazione del concetto di “Madre”, ancora oggi attualissima. La raccolta è completata dalla prefazione Son of Anarchy di Gianfranco Nerozzi.

Il Libro: 1991: Madre mostro, seminale antologia gore-splatter del pioniere Paolo di Orazio, striscia sulle librerie dello Stivale. L’orrore diventa espressionismo, la carne si fa estetica del delirio, della follia. Nessuna possibilità di redenzione o fuga, solo la contemplazione dello sgretolamento psichico che diventa mutazione organica, fisica. È l’Apocalisse dell’animo umano, una discesa iperrealista e nichili-sta nella frantumazione dei rapporti interpersonali, espressa attraverso sette racconti che gettano le basi dello splatter italico. Sette squarci nella materia oscura, nella carne molle dell’incubo, sette fiabe malate e nere che imprimono cicatrici indelebili nell’immaginario degli appassionati di letteratura fantastica. 2013: il Secondo Avvento. Il Supplizio continua. La Madre mostruosa, “L’incubatrice”, rigenera l’incubo. Mezzotints Ebook ripropone la raccolta di racconti di Paolo di Orazio in una versione riveduta e aggiornata, impreziosita da uno sconvolgente racconto inedito. A distanza di 22 anni le porte dell’Inferno creato dall’autore si spalancano ancora, per precipitarci in un nuovo Abisso di paranoia, un dedalo di architetture organiche allucinate da cui è esclusa ogni possibilità di fuga. L’incubatrice, la Grande Signora degli Incubi, è di nuovo tra noi. E adorarla è l’unica possibilità.

Dalla Prefazione Son of Anarchy di Gianfranco Nerozzi:
Dentro a Madre Mostro c’erano racconti davvero originali e coinvolgenti. Scritti con uno stile assolutamente visionario e preciso. Ma fra i tanti, ce ne era uno così straziante da colpirmi nel profondo. Riempiendomi di entusiasmo per come si poteva diventare ed essere, u-sando le parole come coltelli e le visioni da incubo come poesia. Quel racconto era anarchico e coinvolgente. Freddo. Spaventoso. Una donna che partorisce uno dopo l’altro tanti mostri. Gelidi descrizioni di operazioni chirurgiche. Emozioni allo stato brado schizzate di sangue fresco e bollente nello stesso tempo, Una placenta rigurgitata da un folle perverso disegno apocalittico. Che sfocia in un finale assolutamente rivoluzionario. Nel senso stretto della parola. Perché la ribellione era alle porte e persino la “madre”, il suo concetto, dive-niva anti edipico senza nulla togliere alla tenerezza che ci salva, giorno per giorno. Per trovare la forza per cercare di cambiare le cose, e assumere l’incubo come promotore, assieme alle paure che ci attanagliano, di speranza per un mondo migliore. La filosofa splatter era semplice, in fondo. Nessun lieto fine liberatorio. Solo mostri che restano e tornano sempre. Per farci sentire minacciati e svegliarci, per tenerci pronti a lottare sempre e comunque. Paolo Di Orazio è stato, ed è, un figlio di questa anarchia stilistico - artistica. Sempre e co-munque perfetto e poetico. Adesso che corre l’anno 2013, nulla è cambiato, e tutto è rimasto uguale… L’incubatrice è rimasta attuale e imprescindibile e ci attende al varco. Paolo Di Orazio è sempre lì. Non se ne è mica andato. Figlio dell’anarchia che non è altro. E con lui: la nostra voglia di sognare e di vincere il male. Un mostro dopo l’altro.

L’autore

Paolo Di Orazio (Roma, 1966) Scrittore, disegnatore, sceneggiatore, musicista. Pioniere della letteratura splatter italiana. Coordinatore di riviste mensili di horror a fumetti come Splatter e Mostri, ha scritto racconti e storie a fumetti per Cattivik e la rivista americana Heavy Metal. Ha pubblicato romanzi, testi e racconti per Granata Press, Radio Rai, Addictions, Urania, Beccogiallo, Nicola Pesce Editore, Clair de Lune, Ded'A, Delos, Coniglio Editore, Bietti. Tra le sue opere di narrativa: Primi delitti (Acme, 1989/Castelvecchi 1997), Madre Mostro (Acme, 1991), Prigioniero del buio (Granata Press 1992/Res edizioni 2003) Appuntamento a Carfax (radio racconti - Rai 1992), Il dipinto ucciso (romanzo - Granata Press 1993), Fantasmi con la testa (racconto inserito nell’antologia In fondo al Nero a cura di Gianfranco Nerozzi Ura-nia Mondadori 2003), Che hanno da strillare i maiali? (DEd'A 2009), Vloody Mary (Coniglio Editore 2011), Chiruphènia (Universitalia 2012)

L'Incubatrice di Paolo Di Orazio
Prefazione di Gianfranco Nerozzi
Illustrazione di copertina di Daniele Serra
Mezzotints Ebook – Collana Buio
Formato ebook (epub, mobi)
Pagine: 135 - Lingua: Italiano
ISBN epub: 9788898479023
ISBN mobi: 9788898479030
Prezzo di copertina: € 2,99

PROMO HALLOWEEN: € 1,50 - valido per acquisti dal 30 al 31 ottobre