L'estate fredda dei morti

Selled by Alcheringa Edizioni

(3)

Product details

GLORIA SCAIOLI
L'ESTATE FREDDA DEI MORTI
romanzo: ISBN 978 – 88 – 98621- 34 - 7
mm 125×200, brossurato
Pagine: 166
Prezzo: Euro 10,80 scontato del 10%: Euro 9,72

Romagna di metà Ottocento, sotto il dominio pontificio.
Gendarme sui generis, uomo colto che non indossa la divisa, Artemio Cortesi è diventato famoso perché ha ucciso due briganti: il Burdèl, bandito con la faccia da ragazzino e il Gheppio, capobanda temuto dalla gente e dagli stessi compagni. Questo almeno è ciò che credono tutti.
Quando Laura Calandri, giovane romana dal torbido vissuto, viene trovata morta nelle campagne nebbiose con accanto un biglietto che cita il brigante, Artemio deve fare i conti con il proprio passato e con la superstizione della gente.
Molti personaggi si troveranno coinvolti in un'indagine che renderà giustizia ai morti, fatta di silenzi e intrighi, tesori nascosti e segreti: dal pittore mancato Telemaco al misterioso austriaco Kuno Klammer, dal brigadiere Codeluppi al Doturòn e al parroco, dall’ausiliario sempre allegro Articiòc all’oste Giacumàz e sua moglie Giovanna, per arrivare alla piccola Martina, che fra le nebbie della notte romagnola sostiene addirittura di aver visto un drago.


Romagnola di Forlì, Gloria Scaioli è laureata in lettere con specializzazione in storia dell’arte, che insegna negli istituti superiori.
Ha già pubblicato due romanzi di genere med-fantasy con Plesio editore: La radice del rubino e Il Labirinto d’ambra.

€ 10,80 € 10,04

Add to cart

Payment Methods:

Make a question about this product

Share in Facebook

Share what you like! Copy the link to this product and paste it wherever you want Copy

Product details

GLORIA SCAIOLI
L'ESTATE FREDDA DEI MORTI
romanzo: ISBN 978 – 88 – 98621- 34 - 7
mm 125×200, brossurato
Pagine: 166
Prezzo: Euro 10,80 scontato del 10%: Euro 9,72

Romagna di metà Ottocento, sotto il dominio pontificio.
Gendarme sui generis, uomo colto che non indossa la divisa, Artemio Cortesi è diventato famoso perché ha ucciso due briganti: il Burdèl, bandito con la faccia da ragazzino e il Gheppio, capobanda temuto dalla gente e dagli stessi compagni. Questo almeno è ciò che credono tutti.
Quando Laura Calandri, giovane romana dal torbido vissuto, viene trovata morta nelle campagne nebbiose con accanto un biglietto che cita il brigante, Artemio deve fare i conti con il proprio passato e con la superstizione della gente.
Molti personaggi si troveranno coinvolti in un'indagine che renderà giustizia ai morti, fatta di silenzi e intrighi, tesori nascosti e segreti: dal pittore mancato Telemaco al misterioso austriaco Kuno Klammer, dal brigadiere Codeluppi al Doturòn e al parroco, dall’ausiliario sempre allegro Articiòc all’oste Giacumàz e sua moglie Giovanna, per arrivare alla piccola Martina, che fra le nebbie della notte romagnola sostiene addirittura di aver visto un drago.


Romagnola di Forlì, Gloria Scaioli è laureata in lettere con specializzazione in storia dell’arte, che insegna negli istituti superiori.
Ha già pubblicato due romanzi di genere med-fantasy con Plesio editore: La radice del rubino e Il Labirinto d’ambra.